06-225412

Home » Artigianato » Giulio Accordini, storia di una Cantina veneta

Giulio Accordini, storia di una Cantina veneta

Il Veneto è una delle regioni trainanti per l’economia italiana ed oggi vogliamo parlare di Guido Accordini, proprietario delle famose cantine Igino Accordini della Valpolicella. Abbiamo scelto quest’ azienda per via della rapida scalata che è riuscita ad effettuare fino a raggiungere le vette dei mercati, non solo nazionali ma anche esteri. Vediamo qual è la sua storia.

 

Guido Accordini: partire da poco facendo tesoro di tutto

Una grande lezione che si può imparare dalla storia delle cantine gestite da Guido Accordini e la moglie Liliana, è che l’ impegno e la dedizione verso un obiettivo, può portare ad enormi risultati anche partendo con poco o nulla. Nel 1821 infatti, anno in cui Igino Accordini decise di estendere la produzione per coprire un pubblico più ampio, l’azienda contava a malapena 3 ettari di vigneti.

Ad oggi, grazie all’ integrazione di tecnologie all’ avanguardia ed un’ attenzione maniacale nel mantenere intatti i sapori della tradizione, gli ettari sono diventati 35 e contano ben 4 tipologie di uve differenti. La Corvina Veronese, il Corvinone, la Rondinella e la Rossignola, tipiche del Veneto, sono l’anima della produzione vinicola targata Accordini.

 

Amarone, l’ icona di Guido Accordini

Di tutti i vini che Guido Accordini e la sua famiglia ci hanno regalato negli anni, l’ Amarone Accordini è senza ombra di dubbio il più iconico. Divenuto simbolo di un’ intera azienda e bevanda estremamente ricercata nei ristoranti pluristellati all’ estero, questo vino è la somma perfetta di quanto detto fino ad ora. Un esempio concreto di come l’amore e la dedizione verso un territorio possano davvero fare la differenza.

Assaporare questo vino, frutto della sapiente miscelazione dei 4 tipi di uva coltivati nei vigneti della Valpolicella, significa scontrarsi con un carattere deciso, aromatico e ben strutturato, sostenuto da profumi di liquirizia e frutta sotto spirito. Una combinazione organolettica che lo rende perfetto come abbinamento con qualunque secondo di carne, aragosta e formaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *