06-225412

Home » Salute » La polvere del legno è cancerogena?

La polvere del legno è cancerogena?

Oggi vogliamo parlarvi dei rischi per la salute che si possono correre quando si lavora il legno. Molti non lo sanno ma a parte i pericoli costituiti dai macchinari che si usano per la sua lavorazione, possono crearsi in alcuni soggetti, vere e proprie patologie legate alla prolungata inalazione delle polveri derivanti dal taglio o dai residui del processo produttivo dei mobili ma non solo.

Il legno è uno dei materiali più usati dall’uomo perchè è facile da procurare e può essere lavorato agevolmente per le più svariate applicazioni. Si tratta di un materiale naturale che di per sè non è dannoso per l’uomo, quello che però è molto pericolo, sono le polveri del legno, che se inalate per periodi prolungati e senza le dovute precauzioni possono causare nel soggetto allergie e peggio ancora veri e propri tumori alle vie respiratorie.

Infatti la IARC (International agency for research on cancer) nel 1995 a causa del marcato “incremento dell’incidenza delle neoplasie a livello delle fosse nasali e dei seni paranasali tra i lavoratori esposti a polveri di legno duro”, ha inserito queste polveri nel Gruppo 1 classificandole cancerogene per l’uomo.

Non è ancora chiaro perchè queste particelle di legno causino tumori, quello che è certo è che si possono depositare ed accumulare in gran quantità nelle vie respiratorie dell’ ospite ed avere conseguenze poco piacevoli.

Per tutti i lavori del settore è quindi consigliabile sottoporsi a regolari controlli ed usare possibilmente precauzioni come le mascherine, che garantiscono un filtraggio ottimale dell’aria inalata, abbassando il rischio di allergie e tumori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *